Sezioni

Il Laboratorio aperto di Modena entra nel vivo

Dopo l'inaugurazione, aperta la gara per l'affidamento della gestione degli spazi ex Aem. Scadenza il 6 aprile 2018

Per la gestione del Laboratorio aperto, il Comune di Modena cerca operatori economici, individuali o associati, esperti in attività di accelerazione, coworking, trasferimento tecnologico e promozione d'impresa, tecnologie innovative Ict applicate alle attività culturali, creative e di spettacolo, eventi nell'ambito artistico e culturale. Tutti i dettagli del bando, che scade il 6 aprile 2018, sono consultabili sul sito del Comune di Modena. Gli elementi principali sono riassunti anche in una infografica e in un video realizzato dal Comune. La concessione di servizi per la gestione del Laboratorio aperto avrà una durata di otto anni e prevede un contributo di 800 mila euro in tre anni a sostegno dell’avvio delle attività.

Ai soggetti interessati è richiesto un investimento diretto per perseguire nel lungo periodo la sostenibilità economica, sviluppando una strategia di mercato e assumendo il rischio d’impresa, potendo contare sul contributo iniziale e sulla disponibilità di arredi e attrezzature tecnologiche nell'ambito del finanziamento europeo attivato dal Por Fesr 2014-2020 per città attrattive e partecipate.

Il Laboratorio aperto di Modena

Inaugurato il 17 gennaio 2018 nel comparto ex Amcm, la sede del Laboratorio aperto comprende due spazi coworking di 70 e 117 mq, due spazi denominati “Labspace” di 97 e 173 mq, una sala conferenze di 96 mq, una galleria polivalente di 545 mq e capienza di 150 posti, uno spazio ristorazione, bar, caffetteria di circa 100 mq, spazi di servizio e area cortiliva.

Quello di Modena è uno dei dieci Laboratori aperti nati per realizzare le strategie e gli obiettivi del Por Fesr 2014-2020 per città attrattive e partecipate. 

Azioni sul documento

Non hai trovato quello che cerchi ?