Ulteriori informazioni

Caratteristiche del fondo

Il fondo può intervenire su tutto il territorio regionale ed è un patrimonio con destinazione di scopo, gestito in regime di contabilità separata e la cui dotazione dovrà essere depositata dal soggetto gestore presso una banca depositaria.

Prevede una compartecipazione pubblico/privata, secondo le misure di partecipazione compatibili con la Comunicazione (2006/C194/02) che stabilisce gli “Orientamenti comunitari sugli aiuti di stato destinati a promuovere gli investimenti in capitale di rischio nelle piccole e medie imprese”. Il fondo è caratterizzato da una gestione orientata al profitto e svolta secondo criteri commerciali e di mercato.

Tipologia di investimenti sostenuti

Il fondo è destinato esclusivamente agli investimenti in capitale di rischio nelle prime fasi di vita dell’impresa (early stage, nelle forme del seed financing e dello start up financing) e ad investimenti per supportare la crescita e l’implementazione di programmi di sviluppo di imprese già esistenti (expansion).

Ogni singola tranche di investimento effettuata dal fondo non può superare, con riferimento alla quota messa a disposizione dalla Regione, l’importo massimo di 1 milione di euro per PMI destinataria su un periodo di 12 mesi.

Destinatari

Le imprese partecipate dal fondo regionale devono essere esclusivamente piccole e medie imprese, con localizzazione produttiva in Emilia-Romagna.

Il fondo regionale, per quanto riguarda le operazioni investimento nelle prime fasi di vita dell’impresa, deve intervenire prioritariamente in imprese operanti nei settori di:

  • biotecnologie, farmaceutica, chimica organica
  • nanotecnologie, nuovi materiali, chimica fine;
  • meccanica di precisione, strumenti di misura e controllo, sensoristica, biomedicale, elettromedicale;
  • informatica e telematica, tecnologie digitali, audiovisivo;
  • tecnologie per le energie rinnovabili, il risparmio energetico, l’ambiente.

Per quanto riguarda invece le operazioni di expansion financing, destinate cioè a supportare la crescita e l’implementazione di programmi di sviluppo di imprese già esistenti, le aziende partecipate devono appartenere ai settori di attività economica elencati nella Sezione C della classificazione ATECO 2007.

Sono escluse dal fondo le imprese operanti nei settori della costruzione navale, del carbone e dell’acciaio; le imprese quotate sui mercati regolamentati; le aziende in crisi ai sensi della definizione di cui agli Orientamenti comunitari sugli aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà (2004/c 244/02).

Come fare domanda

Per presentare domanda di valutazione, è necessario seguire la procedura prevista dal soggetto gestore al seguente link, inviando l'apposito Registration Form compilato. Al ricevimento di tale documento sarà cura del soggetto gestore richiedere i materiali necessari per la valutazione della proposta di investimento.

Glossario

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/03/12 17:02:01 GMT+2 ultima modifica 2015-03-12T18:08:00+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?