Sezioni

Parco regionale Vena del Gesso

Creazione di centri visite allestimenti didattici e aree attrezzate. Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme

Il Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnolo costituisce l’elemento unificante e caratterizzante il progetto, anche in prospettiva delle sue funzioni di elemento strategico dello sviluppo dell’area collinare interessata.

Nello specifico gli interventi realizzati per la valorizzazione e fruizione del Parco sono:

  • Realizzazione di un qualificato Centro visita e Museo del Parco presso il Convento di S. Maria degli Angeli (detto dell’Osservanza) a Brisighella: è stata creata una struttura turistica polifunzionale con servizi pubblici innovativi dedicati alla fruizione del Borgo di Brisighella e dell’insieme dell’Area Parco. Tra questi, un centro visite per la fruizione del Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola e di informazioni sull’ambiente, la cultura e le tradizioni del territorio, anche in considerazione della sua collocazione ottimale a fianco la stazione Ferroviaria sulla linea Ravenna-Faenza-Brisighella-Firenze.
    Infine, è stata allestita una sezione museale del territorio con utilizzo di tecnologie multimediali all’avanguardia ed elevatissima interattività con i visitatori.

  • Realizzazione di un’area attrezzata per la fruizione del Parco regionale a Borgo Rivola nel comune di Riolo Terme: un’area verde pubblica è stata trasformata in area attrezzata al servizio del Parco regionale da cui si dipartono importanti percorsi attrezzati verso le aree di maggiore interesse. La frazione di Borgo Rivola si colloca proprio nel cuore del Parco, pertanto ai fini di migliorarne la fruibilità ed accessibilità,  l’area è stata dotata di servizi informativi sui percorsi e sulle caratteristiche del Parco. Gli investimenti hanno previsto la creazione di un’area sosta attrezzata per i camper e per i visitatori, l’installazione di pannelli espositivi, informativi e segnaletici sui percorsi dell’area, la realizzazione di una piccola struttura di ricovero per il noleggio eventuale di mountain-bike e attrezzature per l’escursionismo, l’allestimento di area per pic-nic con tavoli e panche. L’acquisto delle attrezzature e dei beni resi disponibili per il noleggio ai turisti fa parte integrante delle azioni progettuali.
  • Creazione di un centro servizi avanzato per la fruizione turistica del Parco e del centro storico di Riolo Terme: gli investimenti hanno previsto la realizzazione del Centro pubblico Parco Pertini, la creazione di spazi per la realizzazione di eventi sulla cultura e le tradizioni locali, la rappresentazione di spettacoli e la presentazione di documentazione sulla natura e la storia dell’ area collinare (palco e platea, impianto per la proiezioni di materiali audiovisivi) e interventi di miglioramento dell’impiantistica (allacciamenti) e degli arredamenti connessi.
    Inoltre, vista la prossimità di un edifico di proprietà del Comune che già ospita l’Ufficio IAT, questi interventi si integrano con una specifica progettualità e con allestimenti funzionali finalizzati all’attivazione di uno sportello informativo permanente sul Parco dotato di installazioni tecnologiche innovative.
  • Allestimento di un centro didattico sulle specie vegetali del Parco regionale presso il Giardino delle Erbe di Casola Valsenio e creazione di un percorso naturalistico del circuito della “corolla delle Ginestre”, collegando il Cardello e Giardino e alla Chiesa di Sopra (da restaurare): il progetto afferente al Giardino, come centro visite del Parco, ha consentito di implementare un’altra delle “porte” del Parco, facendo del Parco stesso e delle sue straordinarie peculiarità naturali e paesaggistiche, della tradizione erboristica casolana, del patrimonio storico-architettonico e delle potenzialità ambientali e culturali, il volano per un maggiore e originale sviluppo turistico della zona di Casola e dell’intera area appenninica. Gli investimenti hanno migliorato così l’attrattività del Giardino quale porta di accesso del Parco: è stato riprodotto l’ambiente naturale del Parco “Giardino Roccioso”, con l'allestimento di una esposizione a carattere museale delle attrezzature e dei macchinari utilizzati nel secolo scorso per la coltivazione e la lavorazione delle erbe, è stato realizzato un centro di documentazione multimediale sulle piante officinali e sulla flora del Parco, con la progettazione e realizzazione di allestimenti tematici con modalità tecnologiche innovative dedicati a piante velenose e dello zodiaco.

Il costo complessivo dell'intervento è stato di 1.884.142 euro di cui 1.300.000 finanziati dal Por.

 

Multimedia

 

Info

Non hai trovato quello che cerchi ?