A Bologna gli stati generali delle scienze della vita

Dal 10 al 12 ottobre 2018 la quinta edizione di Meet in Italy for Life Sciences, appuntamento di rilievo internazionale finanziato con Fondi europei

La quinta edizione di Meet in Italy for Life Sciences si terrà quest’anno a Bologna, presso l’Opificio Golinelli, dal 10 al 12 ottobre 2018. Un momento di incontro e riflessione rivolto agli operatori del settore, ricercatori, aziende, istituzioni e investitori di una filiera che in Italia riveste un ruolo strategico per la crescita e la competitività del Paese, il cui valore aggiunto corrisponde a oltre il 10% del PIL nazionale. Si tratta di un’iniziativa del Cluster Tecnologico Nazionale Scienze della Vita ALISEI ed è quest’anno promossa e organizzata dalla Regione Emilia-Romagna e finanziata con Fondi EuropeiPor Fesr 2014-2020, con il supporto tecnico di Aster. L’iniziativa si avvale per l’organizzazione del brokerage event di Enterprise Europe Network, la più grande rete nel mondo di supporto alle piccole e medie imprese, istituita dalla Commissione Europea e presente in oltre 65 paesi per sostenere innovazione e internazionalizzazione.

Il settore delle scienze della vita

Con un ampio raggio d'azione che comprende l’industria farmaceutica, quella biotecnologica e della produzione di dispositivi medici – questo settore è in rapida evoluzione: sono in corso importanti modifiche nella relazione medico-paziente e nelle aspettative di questi ultimi, oltre che nello stato di progressione della ricerca scientifica, con nuove scoperte e nuove molecole che vengono immesse sul mercato. La ricerca biofarmaceutica oggi è fortemente focalizzata sulla medicina di precisione e sulle terapie personalizzate.

Il programma

La manifestazione si aprirà il 10 ottobre con la conferenza “Investment trends in healthcare” dove i relatori provenienti dal mondo della ricerca, delle istituzioni e dell’industria si confronteranno sui principali ambiti di investimento con un particolare focus sul panorama italiano. A seguire, le prime due giornate saranno organizzate secondo 3 percorsi paralleli tra cui il Brokerage event, dedicato agli incontri bilaterali tra i partecipanti e organizzato in collaborazione con Enterprise Europe Network. La manifestazione si chiuderà il 12 ottobre con il convegno internazionale “Digital Tansformation in medicine: average is dead!” a cui parteciperanno esperti nazionali e internazionali.

I commenti

“L’Emilia-Romagna, prima regione europea per potenza di calcolo, rappresenta un territorio privilegiato per attrarre investimenti e intercettare nuovi trend di crescita a livello globale, considerando anche il ruolo sempre più centrale svolto dai big data nella medicina personalizzata e di precisione. Consapevole che parlare di salute non significa parlare semplicemente di investimenti e fatturato, ma di un valore primario per le persone, il dovere delle istituzioni è quello di promuovere l’innovazione tecnologica, la ricerca scientifica e il pieno trasferimento delle innovazioni nel servizio sanitario, quali elementi di base per la crescita di una società. L’impegno di questa Regione per promuovere l’innovazione tecnologica è testimoniato dalla Rete dell’Alta tecnologia avviata a partire dagli anni 2000 e dal processo di programmazione e coordinamento avviato nel 2014, mirato a promuovere l’efficace utilizzo dei Fondi strutturali e di investimento europei. Tali fondi sono stati destinati a potenziare ulteriormente le eccellenze esistenti in regione, quali i biomedicali, la medicina rigenerativa (il primo prodotto di terapia avanzata a base di cellule staminali approvato in Europa è stato sviluppato da uno dei laboratori della rete), le Scienze farmacologiche e omiche, i Servizi e le tecnologie per la vita sana e attiva. Il risultato è tangibile: il sistema sanitario della Regione Emilia-Romagna si conferma anche quest’anno come un sistema in grado di coniugare sostenibilità e innovazione, confermandosi come top ranking a livello nazionale” - dichiara Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna.

“Il Meet in Italy for Life Sciences, che quest’anno sarà a Bologna, si caratterizza sempre più come l’appuntamento fondamentale del comparto delle scienze della vita nel nostro Paese – afferma Diana Bracco, Presidente del Cluster Tecnologico Nazionale Scienze della Vita ALISEI – un settore che include   comparti in grande crescita, come biotech, farmaceutica e biomedicale. Il Cluster ALISEI sta diventando  un grande motore dell’innovazione italiana nel settore delle Scienze della Vita, un catalizzatore di idee e un punto  di raccordo tra ricerca e industria. Anche per questo il 19 luglio scorso, con il Presidente del Cluster Agrifood  Luigi Scordamaglia abbiamo firmato un protocollo d’intesa creando l’intercluster Salute, Alimentazione e Qualità della vita. Un’alleanza che contribuirà a consolidare il primato del Food & Drug italiano attraverso la ricerca e innovazione”.

Non hai trovato quello che cerchi ?