Sezioni

Tecnopolo Cesena, inaugurazione venerdì 6 maggio

Nuovi laboratori per la ricerca agroalimentare. Investiti 2,4 milioni euro, di cui 1,8 milioni dalla Regione con fondi europei

E' stato inaugurato venerdì 6 maggio il nuovo tecnopolo di Cesena che ospiterà innovative strumentazioni e ricercatori del laboratorio di ricerca del Centro interdipartimentale di ricerca industriale agroalimentare (CIRI Agroalimentare) dell'Università di Bologna. La nuova struttura di ricerca sarà inaugurata Cesena dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, dal Rettore dell’Università di Bologna Francesco Ubertini, dal direttore del CIRI, professor Marco Dalla Rosa e dal sindaco di Cesena Paolo Lucchi.

La nuova sede presso Villa Almerici, di fianco alla sede dell'Università, è destinata ad ospitare innovative strumentazioni di ricerca, incluse celle frigorifere e un incubatore.

Per la realizzazione, completata nel 2015, sono stati investiti 2,4 milioni di euro, di cui il contributo della Regione è stato di 1,8 milioni di euro: tra i promotori del Tecnopolo di Cesena l’Università di Bologna, la Provincia di Forlì-Cesena, il Comune di Cesena e il Comune di Forlì.

La peculiarità e l’innovatività del CIRI Agroalimentare ruotano attorno alla visione integrata dell’alimento come frutto di una sequenza di interventi (scelta delle materie prime e degli ingredienti, formulazione, fermentazione o processo tecnologico, imballaggio, scelta delle condizioni di conservazione o maturazione appropriate) calibrati in modo da programmare  e prevedere la sicurezza, la qualità organolettica e nutrizionale e la shelf-life del prodotto. A tal fine le competenze tecnologiche, microbiologiche, analitiche e nutrizionali, presenti all’interno del CIRI Agroalimentare, sono integrate in modo da fornire all’industria non solo un servizio ma un supporto per tutte le fasi della produzione e innovazione attraverso un approccio integrato basato sulle esigenze dell’industria. Gli ambiti di ricerca riguardano la bioanalitica, la bioattività, la microbiologia e la valorizzazione di microrganismi a fini Industriali, mentre l’area di processo riguarda gli alimenti, consumi e salute. I settori di impatto della ricerca spaziano dal lattiero-caseario, l’enologico, l’industria delle bevande, l’industria conserviera, i gelati e i surgelati.

Gli investimeni Por Fesr

Il programma del CIRI Agroalimentare nel Por Fesr 2007-2013 è stato pari a 2,27 milioni di euro per la dotazione di strumentazioni e di 3,45 milioni di euro per il programma di ricerca, che ha visto il coinvolgimento di 14 nuovi ricercatori dedicati e la partecipazione a tempo parziale di 39 tra ricercatori strutturati e docenti. In totale, sono stati investiti 5,7 milioni di euro sostenuti al 50% dalla Regione, e 53 ricercatori coinvolti.

Con il primo bando Por Fesr 2014-2020, rivolto ai laboratori della Rete Regionale Alta Tecnologia, il CIRI Agroalimentare dell’Università di Bologna ha avuto l'approvazione di 2 progetti: quello relativo al Laboratorio infrastrutturale per l’applicazione di tecnologie avanzate per realizzare packaging attivo ed ecosostenibile, del valore di 1,57 milioni di euro, per un milione di euro di contributo regionale; e quello del Food Crossing District - Simbiosi industriale: due nuovi alimenti da sottoprodotti ed una mappa delle relative economie circolari in Emilia-Romagna, del valore di 1,17 milioni di euro, per 800 mila di contributo regionale. Con l’eventuale scorrimento della graduatoria potrebbero essere finanziabili 2 ulteriori progetti del CIRI Agroalimentare per oltre 2,5 milioni e un contributo della Regione di oltre 1,8 milioni di euro. In totale, con la nuova programmazione, il CIRI gestirà quindi un budget di 5,26 milioni di euro, con 3,6 milioni di contributo regionale. Le aziende direttamente coinvolte in questi progetti per collaborare con i gruppi di ricerca sono 16.

Non hai trovato quello che cerchi ?