Percorso verso la S3 2021-2027

Definizione dello strumento che guiderà la programmazione regionale dei Fondi europei per i prossimi 7 anni

Verso la S3 2021-2027

Banner-S3-21-27

La Regione Emilia-Romagna ha avviato nel 2020 il percorso di aggiornamento e di allineamento della propria Strategia di specializzazione intelligente S3 in vista della nuova programmazione dei Fondi europei 2021-2027. Un percorso sviluppato con il supporto di ART-ER e delle Associazioni Clust-ER, che tiene conto dei risultati del precedente settennato, dell’evoluzione della tecnologia, dei sistemi produttivi, dell’ecosistema regionale della ricerca, ma in particolare delle nuove sfide di carattere globale, così come evidenziato in particolare dagli obiettivi della nuova Politica di coesione e dall'Agenda Onu 2030.

Temi centrali

Nell'aggiornamento della S3 per il periodo 2021-2027 sono stati individuati 15 ambiti tematici, derivanti dall'incrocio fra i sistemi produttivi regionali e le sfide della Politica di coesione UE 21-27: dal clima alle risorse naturali alla blue economy, dal manufacturing 4.0 alla mobilità sostenibile, dal benessere della persona all’inclusione e coesione sociale solo per citarne alcuni. Tali ambiti sono stati aggregati in 5 tavoli di confronto

  • Approccio e attuazione della nuova strategia 
  • Transizione sostenibile
  • Trasformazione digitale
  • Salute, benessere e nutrizione
  • Territori, città e comunità

Consultazione pubblica

Parte essenziale del percorso di aggiornamento della Strategia S3 è la partecipazione degli stakeholder e di tutti coloro che operano nell'ambito dell'innovazione regionale. Per questo si è svolta dal 7 dicembre 2020 fino al 21 gennaio 2021 sulla piattaforma EROI la consultazione pubblica verso la Strategia di specializzazione intelligente S3 2021-2027. Hanno contribuito ai cinque tavoli di confronto rappresentanti delle imprese, delle startup, delle università e degli enti di ricerca, delle associazioni di categoria, della pubblica amministrazione e del mondo finanziario.

Oltre 300 i commenti pubblici volti ad aiutare la Regione a definire priorità e obiettivi della nuova programmazione dei Fondi europei. Si tratta di suggerimenti e spunti di una comunità eterogenea composta da soggetti già beneficiari di finanziamenti per la ricerca, esperti di innovazione, ma anche da nuovi interlocutori (circa il 17%) che, per la prima volta, hanno deciso di confrontarsi con questi temi nell’ambito di un contesto partecipativo. 

Innovazione digitalegreen dealoccupazione di qualità, ma anche diritti e inclusione socialereti di trasporto e telematichecontrasto agli squilibri demografici sono solo alcune delle sfide per la ripartenza dei sistemi produttivi regionali, considerate prioritarie dalla community dei partecipanti alla consultazione pubblica. A queste sfide si aggiungono le buone pratiche in grado di favorire processi di innovazione segnalate dai partecipanti, come azioni di Open Innovation, ricerca e innovazione responsabile e il principio della quadrupla elica

Per approfondire

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/02/22 10:56:00 GMT+2 ultima modifica 2021-03-04T18:07:50+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?