Strumenti personali

Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Tecnopolo di Bologna - Ex Manifattura tabacchi

Il tecnopolo di Bologna - Ex Manifattura tabacchi avrà la funzione di hub della Rete regionale dell'alta tecnologia. Prevede l'insediamento di 12 laboratori attivi su diverse piattaforme tecnologiche: meccanica materiali, costruzioni, scienze della vita, energia-ambiente, Ict & Design.

L'area ospiterà alcuni laboratori di ricerca industriale dell’Università di Bologna, il dipartimento dell’Istituto Ortepedico Rizzoli - Rit - Rizzoli Innovation Technology, il centro di ricerca di Bologna dell’Enea (Lecop, Laerte, Cross-Tec), il consorzio T3 Lab. Nel Tecnopolo Bologna Manifattura si insedierà inoltre Aster, che svolge la funzione di coordinamento dell'intera rete dei tecnopoli, e Lepida, società per la rete telematica a banda larga, che promuove anche il Laboratorio regionale per informatica e servizi innovativi digitali nella Pubblica amministrazione.

Si insedieranno le strutture regionali per la sicurezza del territorio (Arpa e Protezione civile) supportate da tecnologie innovative.

Il progetto preliminare di ristrutturazione dell'area è già stato realizzato e sta per prendere il via l'intervento di riqualificazione, che sarà suddiviso in tre lotti: uno a carico della Regione e due realizzati in project financing. Il bando di gara per la costruzione del primo lotto è in fase di pubblicazione.

Il progetto di recupero dell'area Ex Manifattura è stato elaborato dal gruppo guidato dall'Arch. Von Gerkan Marg di Amburgo, che si è aggiudicato il concorso indetto per l'intervento sull'area.

Una volta ristrutturato il tecnopolo ospiterà start up e imprese ad alta tecnologia ed è in corso, a cura di Aster, la predisposizione del Piano strategico per l'utilizzo del tecnopolo.

L'intero complesso avrà una superficie complessiva di oltre 100mila metri quadrati.