Percorsi d'acqua, Parco del Delta

Dalla sacca di Goro alla foce del fiume Po, valorizzazione dei percorsi turistici e naturali

Obiettivo del progetto è stato quello di migliorare l'accesso e la fruizione dell'area attorno alla Sacca di Goro, potenziando gli attuali percorsi su acqua integrati dagli itinerari a terra, in linea con il crescente interesse di valorizzazione di un turismo fluviale, e in generale su barca, nel Delta del Po in modo da creare un “sistema-visite” ricco di itinerari e di proposte.

L’intervento ha così puntato a valorizzazione la capacità attrattiva dell’area attraverso la realizzazione di strutture che facilitino ed invitino la fruizione, con la creazione di itinerari intermodali tra terra e acqua.

Gli interventi hanno previsto:

  • realizzazione di strutture per l’approdo dal mare o dal Po di Goro e dalla Laguna presso il Faro di Gorino;
  • realizzazione struttura per l’approdo al sito dal canale interno della Laguna presso la Lanterna Vecchia, nonché sistemazione dell’areale adiacente;
  • ripristino strutturale di parte della Lanterna Vecchia per consentire la fruizione in sicurezza della torretta di avvistamento ornitologico;
  • manutenzione del tratto di sentiero ciclo‐pedonale tra la Lanterna ed il Porto di Gorino, e del tratto pedonale tra la Lanterna ed il Faro;
  • realizzazione di una struttura di approdo sul Po di Goro a Goro;
  • realizzazione di una struttura per accosto ad uso fruizione turistica guidata e limitata lungo il Po di Volano, presso Madonnina;
  • restauro e sistemazione dei Casoni di Canneviè – Porticino;
  • recupero e risanamento del seminterrato della Torre della Finanza e sistemazione dell’area esterna al fine di agevolare l’accesso al sito.

Il progetto ha visto un investimento complessivo di 1.199.610 euro di cui 899.707 euro finanziati dal Por.

Documenti

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/03/12 17:05:00 GMT+2 ultima modifica 2017-09-01T01:17:00+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?