Fondi europei: l'Europa promuove l'Emilia-Romagna

Ai Comitati di sorveglianza presentato lo stato di avanzamento dei Programmi Fesr e Fse: già impegnati 1,2 miliardi per sociale, formazione, lavoro e imprese. Utilizzo delle risorse fino al 99%

Ancora una conferma, e non è la prima, sulla capacità della Regione Emilia-Romagna di utilizzare al massimo delle potenzialità i fondi europei. Si tratta di stanziamenti in gran parte destinati a una crescita del sistema regionale con azioni sempre più integrate fra loro, prima fra tutte l’occupazione. Un grande volano che genera investimenti e lavoro. A certificarlo è la Commissione europea, i cui emissari il 5 dicembre 2019 sono stati a Bologna alle riunioni congiunte dei Comitati di sorveglianza, chiamati periodicamente a verificare lo stato di avanzamento dell’utilizzo delle risorse e delle singole linee d’azione previste all’interno dei Programmi operativi regionali Por Fesr 2014-2020 e Por Fse 2014-2020.

Per entrambi i Programmi operativi, rispetto allo stato di avanzamento, la Commissione europea ha comunicato a fine luglio 2019 il raggiungimento dei target intermedi e il riconoscimento dell’intera riserva di efficacia.

Fondi europei Por Fesr 2014-2020

Il Por Fesr 2014-2020 sta per raggiungere l’utilizzo totale delle risorse disponibili nell’attuale programmazione. Al 31 ottobre 2019 sono stati sono stati stanziati 480 milioni di euro (su 481,8), il 99,6% della dotazione complessiva. I progetti selezionati dai bandi sono in totale 3.460, di cui 1.407 già conclusi, con investimenti complessivi pari a 832,4 milioni di euro. Le risorse già impegnate sono pari a 452,9 milioni di euro, i pagamenti ammontano a 217,1, milioni di euro.

Tra gli ultimi bandi aperti si segnalano i bandi a sostegno del commercio e della riqualificazione energetica degli edifici pubblici, la promozione degli investimenti e l’accesso al credito per gli interventi di green economy e l’avvio di nuove attività.

Sono state avviate le 31 azioni previste nell’ambito dei 6 assi di intervento: ricerca e innovazione, Ict e agenda digitale, competitività e attrattività del sistema produttivo, low carbon economy, valorizzazione delle risorse artistiche culturali e ambientali, città attrattive e partecipate.

Fondi europei Por Fse 2014-2020

Nel ciclo 2014-2020 il Por Fse mette a disposizione 786,2 milioni di euro. Al 31 ottobre 2019 le risorse impegnate sono pari a 732,4 milioni, il 93,1% della dotazione complessiva del Programma. La spesa ammissibile dichiarata dai beneficiari è pari a 382 milioni di euro. A oggi è stata certificata alla Commissione europea una spesa pari 303,7 milioni di euro.

Da inizio programmazione sono state inserite nei percorsi formativi 465.047 persone, di cui oltre il 50% donne. In totale sono state approvate 4.223 operazioni, di cui 3.798 avviate (pari al 90% di quelle approvate) e 2.423 già concluse. Tra queste, più di 2.500 sono dedicate a interventi per l’occupazione.

Per saperne di più

Non hai trovato quello che cerchi ?